Motori e motori

Sta facendo il giro del mondo la notizia secondo la quale Google avrebbe deciso di declassare il sito della BMW, dopo la scoperta che quest’ultima ha utilizzato qualche trucchetto sporco per aumentare il proprio punteggio (link alla notizia su Repubblica). Ora, io ritengo che Google faccia benissimo a combattere il webspam, e penso anche che questa vicenda sia uno smacco all’immagine della casa automobilistica, però pensare che questa azione abbia effetti anche solo minimamente negativi sulle vendite dell’azienda tedesca è ridicolo. Chi vuole una BMW non va certo a cercarsela su Google. O no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *