Morattopoli

In rete sta facendo discutere l’iniziativa di Letizia Moratti (non quella giovane delle foto pubblicitarie, l’altra), di acquistare i nomi di dominio di qualche centinaia di strade milanesi per la propria campagna. Da sottolineare in particolare l’uscita di Mantellini secondo il quale dovrebbe apparire “evidente a chiunque abbia conservato un minimo di sale in zucca” che l’operazione “e’ totalmente senza senso”, nonché il comunicato stampa del senatore Cortiana, riportato da Network Games, nel quale in poche parole si richiama alla poca liceità dell’operazione, che si configurerebbe come vero e proprio cybersquatting. Evidentemente ho poco sale in zucca io, che trovo che la cosa abbia un bel po’ di senso (e il fatto che abbia subito fatto scalpore, qualcosa vorrà pure dire), e che non sia minimamente cybersquatting. Ma, ne sono certo, il senatore Cortiana ha anche pronta una proposta di legge per regolare la compravendita di domini che abbiano nomi identici a quelli di strade, piazze, vicoli, e sentieri di campagna. Aspetto fiducioso.

PS: Nel frattempo anche Vittorio Zambardino si è espresso sulla questione, con qualche argomento in più, mi pare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *